Nicht kategorisiert

Africa

Con quale atteggiamento interiore affrontiamo questo continente e i popoli che lo abitano: Umanesimo o abuso? – da Christine Richter –

L’Africa è uno dei continenti più ricchi del mondo. C’è il petrolio, l’oro, i diamanti e i minerali. Secondo Lutz van Dijk („Afrika – Geschichte eines bunten Kontinents“) (“Africa – Storia di un continente colorato”) si trova circa l’89% delle risorse minerarie mondiali come bauxite, cromite, cobalto, diamanti, oro, platino e titanio. D’altra parte, l’Africa è anche considerata uno dei continenti più poveri, dove la gente muore di fame e di pericolose malattie infettive a causa dell’acqua contaminata e, in alcuni luoghi, per mancanza di igiene.

Diamante

Il continente africano non è solo la patria dell'”Africa nera”, ma anche degli Stati arabi e dell’Egitto con i suoi tesori culturali di una civiltà antica e avanzata.

La Sfinge

Ora, nell’aprile 2020, il coronavirus minaccia di travolgere l’Africa e invita le organizzazioni umanitarie. L’OMS è già da molto tempo, come attualmente, impegnata principalmente con una vaccinazione antipolio in Africa per sradicarla una volta per tutte. (1) Sembra che siano rimasti pochi soldi per qualcos’altro, perché i fondi dell’OMS sono legati agli interessi dei suoi donatori, quasi l’80% dei quali sono privati, soprattutto la Bill & Melinda Gates Foundation.

I due, Bill e Melinda Gates, si atteggiano a filantropi, se non a salvatori umani, nel contesto della crisi di Corona. Qual è la loro vera motivazione? Passo questa domanda a voi, cari lettori. Vi prego di farvi un’impressione.

Un esempio dalla Nigeria: nel delta del Niger il petrolio è stato trovato e prodotto dalla Shell. L’acqua e l’ambiente di questa zona sono talmente inquinati che oggi, per le persone che vi abitano, non ci sono più verdure non inquinate e acqua potabile pulita. Molte malattie derivano da questo. L’intera area è contaminata dalle scorie oleose. La situazione degli abitanti del delta del Niger è stata filmata da ARTE (1) nell’ambito del documentario sull’OMS. La gente lì è disperata, il loro habitat naturale è stato distrutto.

Nel loro indigenza, gli abitanti avevano chiesto aiuto all’OMS, ma l’OMS ha rifiutato la richiesta di aiuto perché non avevano soldi per una cosa del genere, i soldi sono stati stanziati dai donatori per le campagne di vaccinazione… A cosa servono le attrezzature tecniche e le vaccinazioni in Africa quando c’è carenza di cibo e non c’è acqua potabile pulita? Oltre questo uno scienziato che ha indagato sulle finanze della Bill & Melinda Gates Foundation ha scoperto che essi possiedono azioni della Shell (1).

Le malattie infettive come il colera potrebbero essere eliminate al massimo migliorando le condizioni di vita di base. Tuttavia, l’OMS sembra meno interessata a tali progetti. L’OMS, con i suoi donatori privati, è davvero ancora interessata alla salute della popolazione mondiale?

Un altro esempio dall’Africa: Bissi-Nafou, un villaggio del Ciad dove vive il giovane missionario italiano don Nur El Din Nassar. In un’intervista a Giorgio Paolucci, descrive come la gente del suo paese sta affrontando la crisi di Corona. L’intervista ha il significativo titolo “I poveri dell’Africa non sono spaventati dal coronavirus”. (2)

Don Nur descrive la situazione nel suo villaggio, dove ci sono solo strade sterrate, niente gas e niente elettricità, niente televisione, ma radio. Tutti ascoltano la radio e lo stesso accade per le notizie dall’Italia, dove vengono approvate leggi che dicono che tutti devono stare a casa e non possono uscire. La gente di Bissi – Nafou reagisce inorridita. Per loro è inimmaginabile non poter uscire di casa – come si arriva al pozzo per prendere l’acqua e anche la legna per il fuoco per cucinare? Sarebbe anche impossibile chiudersi in casa, ha detto il missionario, perché le case non hanno né muri né porte. Anche evitare le riunioni non sarebbe possibile, perché le famiglie del villaggio avrebbero fino a 50 membri.

Inoltre, per gli abitanti del villaggio, “vivere” è sinonimo di “vivere insieme”. Il più grande insulto qui è quando qualcuno ti dice: “Tu sei uno che camina da solo!”. “Forse noi europei  – commenta il missionario finalmente – succubi della paura, ansiosi di risposte certe e veloci dalla Scienza, possiamo imparare qualcosa dal modo con cui questa gente sta di fronte al presente.”

La povertà materiale non significa necessariamente che le persone siano anche povere nell’anima. Così come le persone “ricche” non sono automaticamente felici. Fortunatamente, la felicità e la realizzazione emozionale non possono essere comprate, sembrano essere principalmente legate ad atteggiamenti interiori, come la sincerità e una motivazione orientata verso obiettivi costruttivi nel senso che servono davvero agli altri e lo sviluppo umano in generale.

Christine Richter

(1) Le informazioni sull’OMS utilizzate in questo articolo sono tratte dal programma „Die WHO – Im Griff der Lobbyisten – Doku HD“ di Arte, pubblicato su YouTube il 14 marzo 2018 (1:31:27).

(2) Fonte: un articolo di Mauro Zuccari su www.24newsonline.it

Oltre ai contributi nell’articolo ancora un interessante link dall’attuale “scena Corona” in Africa (lingua locale con sottotitoli in inglese): Video su YouTube (8:01 min.) di un discorso pubblico del Presidente Magufuli in Tanzania.

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.