Nicht kategorisiert

”Sentire in modo cosmico”

…è – o meglio era – qualcosa di molto comune, così normale che quasi non lo notavamo. Almeno così è stato per me. Con ” sentire in modo cosmico ” non si intende uno stato speciale che si deve ottenere per mezzo di esercizi o rituali, ma piuttosto una normale connessione dell’anima con l’ambiente vicino come con quello lontano, anche fino alle infinite distese cosmiche.

Era normale essere connessi al mondo e all’ambiente attraverso il respiro. Sentire la leggerezza e la vastità, essere integrato nello spazio aperto, l’aria ovunque, in me e intorno a me era un dato di fatto, così che era come un crollo interno quando il libero flusso del movimento del respiro incontrava improvvisamente muri umidi e impenetrabili in faccia, che non solo arginavano l’aria, ma anche la coscienza dietro una barriera di tessuto.

Una “consapevolezza a galleria” si verifica quando l’anima viene ributtata sul corpo

Solo ora ho preso coscienza della vastità in cui il mio respiro – e con esso la mia consapevolezza – si muoveva! L’assenza di peso nel flusso, l’ampio oscillare fuori e ritornare a me stesso in un centro individualmente radiante e tangibile, l’essere toccato da qualcosa che sta fuori di me….

Il sole come simbolo di un centro irradiante nell’essere umano

“Sono vivo!” esultò in toni silenziosi e inascoltati. E questo “io” in me vuole qualcosa. Ma ora il respiro sembra meccanizzato e “morto”. Il corpo assomiglia a una macchina, produce – così dicono – la vita. È davvero così? Il movimento del respiro è diventato notevolmente più pesante e ridotto a un affare puramente corporeo. Prima invece è stata cosmica-vivente-movente.

Erika Stolze

“Vita” e “meccanica” si escludono a vicenda

Tradotto mediante www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.