Nicht kategorisiert

Il nemico è la paura

Alcune malattie potrebbero scomparire se iniziassimo a pensare in modo sano. Un grande arco è stato tracciato con questa affermazione, che collega un’ intera serie di enunciazioni logiche. La logica e il contesto contano, e non ultimo il pensare stesso come attività. C’è anche uno stato di apertura passiva in cui l’individuo non pensa per se stesso, ma assorbe dei contenuti presentati come prodotti finiti. Pensare fa piacere. Ma si tratta anche di un certo lavoro. Quando smettiamo di pensare, veniamo pensati dagli altri, perché sono i pensieri che creano il mondo. Senza un idea, non esisterebbe proprio nulla. Una sedia, prima di essere creata, era un’idea nella mente del suo inventore.

Tutte le misure politiche, che sono state prese in tutto il mondo da circa un anno, si basano sulla paura di un virus. Questa paura è stata creata dai media. Abbiamo una “politica della paura”. Quello che stiamo vivendo attualmente è spaventosamente simile a una visione che è stata generata da un gruppo di persone nel 2010 con il cosiddetto “Lock Step Scenario”. (1) Con il pensare si può generare qualcosa, si tratta di un processo che è sempre in corso, anche se non ne accorgiamo. Presumibilmente il presente sarebbe diverso se fossimo consapevoli delle nostre possibilità mentale e cominciassimo a creare noi stessi visioni luminose ed edificanti per il futuro.

Purtroppo succede spesso che prendiamo le idee degli altri senza esaminarle e poi, quando sono state ripetute abbastanza spesso, le prendiamo come nostre e cominciamo ad esprimerle come “la nostra opinione”. Questo è il principio della propaganda. In questo modo le affermazioni più scurrili possono essere sollevate dalla loro oscura esistenza al trono solare di una presunta verità. Affinché questo riesca, le dichiarazioni devono essere tolte dalla loro coerenza e frammentate. Le affermazioni che sono effettivamente vere o reali hanno un contesto che le rende comprensibili. Impegnarsi con loro in realtà costruisce sempre l’ascoltatore o il lettore. Si risveglia l’interesse, ci si sente motivati a guardare più a fondo e a riflettere ulteriormente su ciò che viene detto.

L’informazione, tuttavia, presa fuori contesto e presentata come un boccone di cibo, non ha un effetto rinvigorente, stimolante e costruttivo sulla consapevolezza. Se poi questi frammenti parziali, isolati dal contesto generale, sono anche messi insieme in gran numero e presentati in rapida alternanza, si arriva a uno stato di vera e propria confusione. Con questo in mente, oserei dire che il nostro principio delle notizie convenzionali ha un effetto nocivo sul lettore, ascoltatore o spettatore, indipendentemente da quanto sia vera o falsa l’informazione.

L’informazione, data in frammenti, evoca associazioni. Si pensa la cosa sottintesa più in là o sino alla fine. Così, visioni dell’orrore possono nascere da piccole osservazioni. Per esempio, si legge un breve messaggio su Internet con la foto di un autobus mezzo bloccato in un fosso. La foto in sé è innocua, non si vede nulla di speciale, ma poi vengono aggiunte alcune parole: “Uno scuolabus ha avuto un incidente a Putzgau. I bambini urlavano come una banshee.” Piccole osservazioni apparentemente insignificanti possono innescare intere cascate di immagini nell’inconscio. In questo caso, non voglio descrivere in dettaglio le immagini che sorgono in me e le sensazioni che le accompagnano. L’abominio è così grande che la mia mente cosciente si rifiuta di ammetterlo. Invece, sorge la nausea.

Simili costrutti si trovano spaventosamente spesso nel panorama dei media moderni. Prendono di mira l’inconscio dell’essere umano e così entrano nell’interiorità senza essere notati. In linguaggio tecnico questo tipo di trasferimento di informazioni manipolative si chiama “suggestione”. Come un virus nel suo organismo ospite, le suggestioni penetrano nella coscienza umana e da lì agiscono come un corpo estraneo, che prende effetto attraverso l’host.

Le enunciazioni, invece, che sono logicamente collegate e che illuminano effettivamente l’argomento, di solito edificano il lettore. Hanno un effetto stimolante e calmante allo stesso tempo. Stimolante per pensare oltre e rassicurante perché il mondo si unisce, diventa più intero. Le informazioni prese fuori contesto, invece, hanno un effetto di confusione; indeboliscono i nervi e frammentano il mondo. Pensieri che vengono descritti nel contesto corrispondono alla realtà, illuminano un piccolo pezzo di verità. È interessante notare che questo ha un effetto straordinariamente calmante.

Le suggestioni in confronto sembrano più dei fantasmi. Trasformano il nostro essere interiore in una casa stregata. La migliore protezione contro la dominazione straniera sembra effettivamente essere quella di cominciare a farsi un’idea di quello che sta succedendo nel mondo. Farebbe luce sugli eventi bizzarri che attualmente ci scuotono così profondamente. Bisogna porre fine alla speranza passiva e all’attesa, al credere ciecamente nella giustezza o nell’erroneità di qualcosa….

La verità vuole essere riconosciuta e il futuro immaginato. La vera democrazia vive dal potenziale dei cittadini. Ogni individuo conta. Se tutti contribuissero coraggiosamente, al meglio delle loro capacità, come sarebbe? Immaginiamolo! Le condizioni migliorerebbero notevolmente se tutti partecipassero e contribuissero alla comunità con piena responsabilità nel campo delle loro competenze.

Al momento, la paura governa le misure che si impongono o che seguiamo volontariamente, praticamente tutte le nostre azioni. La paura, però, non deve essere la misura delle cose, essa deve essere superata. Le paure vengono create da un pensare sbagliato, oppure dal non pensare. Si può parlare direttamente di un “virus della paura”, che è un virus molto pericoloso, contagioso e portatore di tante malattie. Chi non pensa per se stesso viene pensato e soccombe all’nemico, cioè la paura!

Christine Richter

L’oscurità, la paura e la prigionia vanno insieme, sono reciprocamente dipendenti.

(1) “Lock Step” è uno dei quattro “Scenari per il futuro della tecnologia e dello sviluppo internazionale” presentati dalla Fondazione Rockefeller e dal Global Business Network (GBN) nel 2010 dopo un anno di lavoro di un grande team.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.