Nicht kategorisiert

Abnegazione o realizzazione?

Rafforzare le difese dell’organismo come modo per guarire o addirittura prevenire malatie grave come per esempio il cancro utilizzando l’esempio di alcuni esercizi dello yoga.

– da Christine Richter –

Una fiamma brucia in ogni essere umano, un desiderio interiore, una volontà rinvigorente, un’idea indipendente e in costante progresso. Si vuole qualcosa. E questo vi terrà vivi, vi sentirete integrati nel contesto sociale e sentirete il significato, il filo conduttore dell’insieme. Questo fuoco interiore di entusiasmo – non importa quanto piccolo – porta al fatto che si possono gestire situazioni difficili e sopportare situazioni spiacevoli. Si è felici in un certo modo, anche se la vita e le circostanze sono tutt’altro che perfette.

Molte persone oggi sembrano aver perso questa naturale, gioiosa scintilla di fuoco di una forza motrice apparentemente inesauribile. La vita è diventata una cosa automatica senza che ce ne siamo accorti. Ci fa delle richieste e noi rispondiamo ad esse.Noi funzioniamo, più o meno bene. Le persone che soffrono di cancro spesso “funzionano” molto bene. La diagnosi arriva poi in modo molto sorprendente, di punto in bianco. Perché, è sempre andato tutto bene!

Guardando a questo fenomeno, ci si chiede se ci possa essere una connessione tra il gran numero di “buoni cittadini” e le molte persone che soffrono di cancro. La volontà di vivere in base a un incondizionato e gioioso “SI” a se stessi e alla vita è data ad ogni individuo alla nascita. Si trova in una connessione logica e naturale con il sistema di difesa dell’organismo. Una persona che vuole qualcosa e la mette in pratica, anche se può offendere gli altri nel processo, si difenderà più risolutamente contro gli invasori stranieri anche a livello fisico rispetto a una persona che si mette da parte interiormente e si adatta costantemente a tutto e a tutti.

Se si perde la volontà nella vita e prevalgono stati d’animo come la rassegnazione o lo sconforto, alcune funzioni fisiche, come la respirazione o la digestione, sono di solito anche ridotte. La respirazione diventa più superficiale, la digestione lenta con tendenza alla flatulenza, e ci si stanca più velocemente. C’è una generale mancanza di gioia e di motivazione. Allo stesso tempo, di solito c’è una maggiore bisogno di compensazione, che è destinata a bilanciare la mancanza interiore percepita, l’insoddisfazione e la mancanza di realizzazione di ciò che vogliamo .

La volontà e il sistema immunitario sembrano essere direttamente collegati tra loro. Il sistema immunitario può essere supportato da farmaci in vari modi. Di solito questo viene fatto sia nella terapia classica che nella terapia alternativa contro il cancro. Oltre alle necessarie misure mediche, c’è anche la possibilità di fare qualcosa da soli per contrastare la malattia in modo offensivo invece di arrendersi passivamente al suo destino. Giä un “atteggiamento interiore attivo” potrebbe essere qualcosa come un primo passo nella direzione desiderata nello sforzo di guarire.

I medici sanno molto, ma non sono “Dei in bianco”. Anche tra gli esperti non sempre si è d’accordo su quale delle varie forme di terapia possibili sia consigliabile in questo caso particolare. Tuttavia, tutti gli esperti (ricercatori, medici, psicologi e professionisti alternativi) sono d’accordo su un punto: ha senso sostenere il sistema immunitario, in quanto è in grado di riconoscere e distruggere le cellule degenerate maligne.

L’uomo stesso è il centro del processo di cura. Perché è così? Perché la guarigione in senso profondo può avvenire solo quando la responsabilità della propria vita è assunta dalla persona stessa? Perché è necessario sviluppare un proprio punto di vista, il cosiddetto “io”, con le sue decisioni individuali?

Gli esercizi fisici dello yoga, i cosiddetti āsana, oggi praticati da molte persone in tutto il mondo, ci danno la possibilità di sviluppare questo punto di vista individuale e sano nella vita. I seguenti pensieri provengono dalla propria pratica yoga ispirata dalle descrizioni degli esercizi nel libro “La dimensione dell’anima dello yoga” di Heinz Grill (1):

La posizione yoga tādāsana “l’albero”, per esempio, porta l’immagine dell’io umano dentro di sé, che sperimenta se stesso vicino al cuore, in un’attenzione sensibile e apertura verso il mondo esterno. A ben guardare, si potrebbe dire che il proprio centro è formato dal rapporto con l’ambiente. Senza ambiente ci sono io – o l'”io” in realtà non esiste affatto. Se una persona si togliesse dalla vita e si nascondesse dietro porte chiuse, il suo centro del cuore non potrebbe svilupparsi bene.

tādāsana – l’albero, come immagine per l’Io dell’essere umano

Molte malattie gravi dei tempi moderni appartengono alle malattie “fredde” o degenerative. Ad esempio, i pazienti affetti da cancro non tendono ad avere la febbre o a soffrire di gravi reazioni allergiche. Sia la febbre che le allergie sono l’espressione di una resistenza attiva agli invasori stranieri come polline, batteri, virus, funghi o infestazioni di vermi. Le cellule tumorali degenerate che si verificano ripetutamente in tutte le persone sono anche generalmente riconosciute come estranee ed eliminate dal sistema immunitario, in modo che nessun tumore possa svilupparsi da esse.

All’uomo moderno sembra mancare qualcosa che c’era quando la gente era colpita da epidemie febbrili. La capacità intellettuale della nostra cultura è cresciuta, produce grandi successi, ma sembra che proprio questa capacità sia legata al fenomeno del “raffreddamento”.

Alla “mezzaluna” āñjaneyāsana il praticante conosce una sensibile apertura verso l’esterno nel gesto di piegare all’indietro. Gli occhi rimangono aperti, l’attenzione è diretta verso il basso verso le gambe, verso terra, così come verso l’alto nella modellazione della parte superiore del corpo, per cui il praticante entra in relazione con lo spazio aereo circostante attraverso la respirazione. Nella mezzaluna, sperimentiamo la contro-immagine del “ritiro” come stile di vita, sotto forma di una sensibile apertura sia al “su” che al “giù”.

»Mezzaluna« āñjaneyāsana

Un’altra posizione yoga, paścimottānāsana, la “posizione testa-ginocchia”, mostra l’idea di superare i propri limiti usando tutta la volontà verso un obiettivo desiderato da se stessi. Un tale movimento, sia nello yoga che nella vita quotidiana, porta a un’espansione delle possibilità personali. L’uso della volontà compiuto in questo esercizio rafforza la propria personalità e può quindi essere chiamato “guarigione”.

Allungarsi in avanti
paścimottānāsana, la “posizione testa-ginocchia”.

La capacità fisica di formare il calore e la volontà sono correlate. La volontà nel senso di entusiasmo è come un fuoco che ci spara all’azione. Ma cosa accende e cosa spegne la fiamma interna? Probabilmente non c’è niente nella vita che possa motivare noi umani più di pensieri veri e belli, i cosiddetti ideali. Le menzogne e le bugie, d’altra parte, paralizzano la volontà e rubano le basi della convivenza. È necessario quindi sviluppare più coscienza per distinguere l’uno dall’altro.

Gli ideali sono come la bellezza di un fiore che tocca il cuore umano…

Da dove viene la tendenza interiore a ritirarsi, che inconsciamente apre la porta del proprio essere interiore a qualsiasi forma di determinazione esterna, in modo che le malattie possano entrare senza ostacoli? In psicologia è ormai generalmente noto che le lesioni psicologiche e morali che si sono verificate in qualsiasi momento della vita di solito portano alla perdita di forze vitali. Nel corso della vita, questi trauma repressi e sommersi continuano a influenzare le persone. In senso figurato, continuano a privarvi di energia. In un certo senso, ogni persona oggi è influenzata da questo fatto – più o meno naturalmente. Tuttavia, tutti hanno sempre la possibilità di intraprendere nuove strade. Forse ci sono possibilità che non abbiamo ancora visto?

L’uomo vuole qualcosa. È necessario ritrovare la volontà autentica e prendere i fili della vita nelle proprie mani. La disperazione esiste solo finché l’uomo non conosce se stesso e le sue vere possibilità, come i suoi poteri spirituali. Tuttavia, questo non significa il freddo intelletto, ma il potere riscaldante e luminoso del sole, che potrebbe essere espresso attraverso noi umani.

©Testo e disegni: Christine Richter

  1. Heinz Grill, “La dimensione dell’anima nello yoga”, Casa Editrice per le Belle Arti, 2019

Grazie ai fotografi che mettono gratuitamente a disposizione le loro foto tramite PIXABAY!

Tradotto con l’aiuto di www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.